Le maestre raccontano MagicoAbaco

MagicoAbaco

Potenziare le abilità di calcolo nei bambini in età evolutiva

Torna dal 22 al 27 giugno SapyentPlay

ma questa volta vi aspettiamo

INTERAMENTE ONLINE

Scopri l’Abaco: Storia, Funzioni e Utilizzo nell’Arte del Calcolo

Introduzione:

L’Abaco, antico strumento di calcolo, rappresenta un’icona della storia dell’umanità e della matematica. In questo articolo, esploreremo le sue origini, le sue funzioni e il suo utilizzo nell’arte del calcolo, mostrando come questo dispositivo abbia influenzato lo sviluppo della società e della scienza nel corso dei secoli.

Storia dell’Abaco:

L’Abaco ha una storia millenaria, risalente a civiltà antiche come quella sumera e quella egizia. Originariamente costituito da una tavola con delle scanalature e delle pietre o conterie, l’Abaco è stato utilizzato per svolgere operazioni aritmetiche di base come l’addizione, la sottrazione, la moltiplicazione e la divisione. Nel corso del tempo, l’Abaco ha subito diverse evoluzioni e adattamenti, assumendo forme e materiali diversi a seconda delle culture e delle epoche.

Funzioni dell’Abaco:

L’Abaco è un potente strumento per l’apprendimento e l’insegnamento della matematica, in quanto permette di visualizzare in modo tangibile i concetti numerici e le operazioni matematiche. Attraverso l’uso dell’Abaco, è possibile sviluppare abilità di calcolo mentale, migliorare la rapidità e l’accuratezza nei calcoli e acquisire una comprensione più profonda dei principi matematici fondamentali.

Utilizzo dell’Abaco nell’Arte del Calcolo:

Nell’era moderna, l’Abaco ha mantenuto la sua rilevanza come strumento didattico e di supporto per lo sviluppo delle competenze matematiche, specialmente tra i bambini e gli studenti. Numerosi studi hanno dimostrato che l’apprendimento dell’uso dell’Abaco può migliorare le capacità cognitive e le prestazioni accademiche degli individui. Inoltre, l’Abaco è ancora utilizzato in alcune professioni, come la contabilità e la finanza, dove la velocità e l’accuratezza nei calcoli sono essenziali.

Conclusioni:

L’Abaco rappresenta un patrimonio culturale e storico di inestimabile valore, che continua a esercitare un’influenza significativa sulla nostra comprensione della matematica e sul nostro modo di pensare. Nonostante l’avvento delle tecnologie digitali, l’Abaco conserva il suo fascino e la sua utilità come strumento educativo e di calcolo. Esplorare le sue origini, le sue funzioni e il suo utilizzo nell’arte del calcolo ci permette di apprezzare appieno il suo ruolo nella storia dell’umanità e nella nostra società contemporanea.

L’Angolo dei Ricordi
Istituto Rosmini
Sapyent Books
Vetro Liquido
Totti & Totti

È disponibile il nuovo e completo catalogo corsi Sapyent: SOLUZIONI CONCRETE, strategie applicabili direttamente in classe per una didattica efficace e inclusiva.

La nostra proposta:

MagicoAbaco è stato sviluppato da Elisa Passerini e Gian Marco Malagoli, docenti e formatori specializzati nelle strategie di calcolo e nella didattica della matematica. Il percorso formativo prevede:

• Formazione dei docenti sull’uso del Soroban e delle tecniche di calcolo
• Guida metodologica per i docenti
• Libri ed eserciziari per gli studenti

• Abaco per l’alunno e abaco gigante come strumento di classe
• Carte “flash”
• Piattaforma mobile e web.

Dicono di MagicoAbaco:

Ecco cosa pensano di MagicoAbaco gli insegnanti che già lo utilizzano in classe:

È uno strumento fantastico… è veramente incredibile, perché è adatto a tutti i bambini. E’ facile sia per i bambini che per gli insegnanti… ed è facile introdurlo nella didattica curriculare… anche per bambini DSA/BES. Abbiamo bambini discalculici: anche per loro i risultati ci sono stati. Non solo: sono contenti di fare Soroban.

Anche bambini disabili riescono ad acquisire una motricità fine… abbiamo una bambina che ha problemi di memoria a breve termine: utilizzando questo metodo lei è riuscita a migliorare questo problema… anche nelle altre discipline.

È bellissimo vedere una bambina con grossi problemi di concentrazione riuscire a vincere la gara di Soroban: grazie a questo, lei si è convinta di valere davvero.