Monthly Archives: Febbraio 2016

L'abaco allena l’emisfero creativo del cervello!

L'abaco allena l’emisfero creativo del cervello!

magicoabaco-11

Kimiko Kawano, ricercatrice presso il Nippon Medical School Center for Informatics and Sciences, ha studiato per oltre dieci anni le onde cerebrali tramite elettroencefalografia. Le onde cerebrali B indicano quale area del cervello è “accesa” durante una particolare attività. Il lato sinistro del cervello è quello che si occupa dei pensieri logici (calcolo, linguaggio, ecc.) mentre il lato destro rileva immagini e musica.

Quindi, ascoltando musica, le onde B vengono registrate sull’emisfero destro; se invece risolviamo un calcolo, le onde B arrivano da quello sinistro.
Esaminando le onde cerebrali di uno studente delle scuole medie, campione di abaco, i ricercatori ebbero però una sorpresa: mentre calcolava, le sue onde B furono registrate dall’emisfero destro anziché, come si aspettavano, in quello sinistro.

I ricercatori iniziarono allora ad esaminare un gruppo di studenti che utilizzava l’abaco regolarmente e scoprirono che tutti utilizzavano la parte destra del cervello nel momento del calcolo.
I ragazzi spiegarono che in quel momento visualizzavano l’immagine dell’abaco e delle sue pedine che si muovevano rapidamente: avevano risolto cioè il calcolo matematico tramite un’elaborazione d’immagini, che dunque coinvolgeva il lato creativo del loro cervello.

E visto che mantenere attivo l’emisfero destro del nostro cervello aiuta a prevenire la demenza senile… grazie, MagicoAbaco!

 
L'abaco e il cervello: interazione virtuosa.

L'abaco e il cervello: interazione virtuosa.

bambina-calcolo-mentale

Il prof. Toshio Hayashi, docente presso l’università di Osaka e direttore dell’Istituto di Ricerca per la Scienza e la Tecnologia Avanzata, ha redatto un interessante articolo in cui mette in evidenza come il cervello della popolazione giapponese e quello della popolazione occidentale siano strutturati in modo differente.

Il Professore spiega che il cervello umano è diviso in due parti apparentemente simili ma profondamente diverse. Il lato sinistro è quello che lui definisce “digitale”: controlla la lettura e la scrittura, il calcolo e il pensiero logico. Il lato destro invece viene definito “analogico”: controlla il senso della tridimensionalità, la creatività, l’immaginazione e il senso artistico.

Insieme queste parti lavorano per renderci “umani”, ma ciascun individuo può sviluppare maggiormente una parte rispetto all’altra. In modo particolare il prof. Hayashi ritiene che, in generale, i Giapponesi abbiano sviluppato prevalentemente la parte sinistra: è per questo motivo che, se consideriamo alcuni bambini giapponesi e alcuni bambini occidentali della stessa età, i primi risulteranno più bravi in matematica rispetto ai loro coetanei occidentali.

Per contro, la popolazione occidentale sembra utilizzare maggiormente la parte destra del cervello risultando più creativa e originale. È stato inoltre riscontrato che coloro che mantengono allenata la parte destra del cervello hanno una minore probabilità di sviluppare demenza senile.

E qui si torna al potenziamento innescato dall’abaco: il calcolo mentale che si effettua utilizzando l’abaco è risultato efficace nel mantenere attiva la parte destra del cervello. L’abaco porta infatti a sviluppare l’immaginazione per poter “vedere” mentalmente lo strumento e i movimenti delle sue pedine nell’elaborazione del calcolo mentale.

Ecco perché il prof. Hayashi ritiene fondamentale introdurre i bambini all’uso dell’abaco fin dalla tenera età.

 
Le sperimentazioni di MagicoAbaco nelle classi italiane

Le sperimentazioni di MagicoAbaco nelle classi italiane

foto-blog-1
Elisa Passerini, docente di Scuola Primaria a Bologna e co-autrice del programma MagicoAbaco che ha condotto le sperimentazioni in classe, ha approfondito per anni lo studio del Soroban e ha esaminato ricerche scientifiche universitarie che hanno analizzato e supportato l’uso di questo strumento per il potenziamento del calcolo.
Elisa ha inoltre integrato la didattica curricolare in una delle classi in cui insegna (una quarta elementare) con attività per la conoscenza e l’allenamento all’utilizzo del Soroban.
Nel corso dei prossimi post vi informeremo sui risultati raggiunti e sulle considerazioni di questa positiva ed emozionante sperimentazione.

 
I libri MagicoAbaco sono a vostra disposizione!

I libri MagicoAbaco sono a vostra disposizione!

libri-magicoabaco

Sono disponibili i primi libri della collezione MagicoAbaco: il libro “Volare sui numeri”, il primo eserciziario e la Guida Metodologica per i Docenti: tra poco sarà a vostra disposizione anche la pagina di e-commerce, ma nel frattempo potete ordinarli scrivendo a chiedi@magicoabaco.it o chiamandoci dalle 14 alle 18 allo 02 8417.8306.

MagicoAbaco può essere avviato in qualunque momento dell’anno scolastico, poiché Il percorso si può inserire nella progettazione didattica di qualsiasi classe in qualsiasi momento. Il libro “Volare sui numeri” è stato pensato e scritto per chiunque desideri cominciare ad usare il Soroban: non è quindi rivolto esclusivamente alla prima prima. Tutte le classi possono utilizzarlo, dalla prima alla quinta, perché fornisce i primi insegnamenti d’uso dello strumento, basilari per il livello successivo.

Il libro e l’eserciziario hanno i seguenti prezzi: libro € 13,90; eserciziario € 8,90; abaco a 6 aste € 13,90; abaco a 13 aste € 15,90. Tuttavia, abbiamo previsto un prezzo speciale di € 29,90 – invece di € 36,70 o € 38,70 rispettivamente – per il kit composto da libro + eserciziario + abaco.

E, incluso in omaggio, il raccoglitore ad anelli personalizzato MagicoAbaco per conservare questi libri e quelli di prossima pubblicazione!

Se sei un docente o sei un genitore e desideri potenziare le abilità di calcolo dei tuoi bambini introducendo MagicoAbaco anche nella tua scuola, scrivici a chiedi@magicoabaco.it oppure chiamaci allo 02 8417.8306: organizzeremo rapidamente una presentazione formativa nel tuo Istituto.

 
Diventa anche tu divulgatrice MagicoAbaco!

Diventa anche tu divulgatrice MagicoAbaco!

dsc00116

Sei un/a insegnante di matematica o materie scientifiche?
Vuoi diventare divulgatore didattico remunerato di MagicoAbaco?

 

Cerchiamo maestre e insegnanti che possano condividere con i loro colleghi l’efficacia di questa soluzione semplice, intuitiva e coinvolgente che potenzia le abilità di calcolo dei nostri bambini allo scopo di farla adottare nelle scuole, pubbliche e private. Dopo un corso di formazione, sarai in grado di formare a tua volta i tuoi colleghi della scuola d’infanzia e della primaria. Sarai remunerato/a in base ai volumi venduti ed al numero di insegnanti che adotteranno la metodologia proposta.

Già molti insegnanti lavorano con noi in diverse Regioni: vieni con noi anche tu, aiuta tutti i bambini a non aver più paura dei numeri!

Contattaci via mail a chiedi@magicoabaco.it o telefonaci dalle 14 alle 18 al numero: 02 8417.8306.

 
Calcolatrici? No, grazie!

Calcolatrici? No, grazie!

calcolatrice-no-grazie

Ciò che colpisce del popolo giapponese è che, nonostante il proliferare dei computer, non abbia mai abbandonato la tecnica Anzan (calcolo mentale) che viene praticata parallelamente alla meditazione buddista e serve per migliorare le proprie capacità di calcolo ma anche e soprattutto come aiuto psicologico nell’affrontare lo studio scolastico della matematica.
Secondo il maestro Kazuyuki Takayanagi, “Usare le calcolatrici porta la nebbia nel cervello. Molto meglio l’Anzanche può liberare energie sconosciute anche nella vita quotidiana.”

 
I campioni del calcolo mentale

I campioni del calcolo mentale

screen010copy-7

Uno dei più grandi campioni di calcolo mentale è il giapponese Hiroaki Tsuchiya.

A soli tredici anni aveva già vinto, a Kyoto, il titolo nazionale di campione di Anzan, calcolando a mente in pochi secondi:992,587318 diviso 5.647,723 (che per la cronaca è uguale a 0,17575000013279688115015555826658)!

 
MagicoAbaco: il regalo per un Natale davvero speciale!

MagicoAbaco: il regalo per un Natale davvero speciale!

Cari Genitori, cari Insegnanti,

i nostri bambini sotto l’albero troveranno forse l’ultimo grido in fatto di giocattoli e giochi elettronici. Certo: vogliamo farli felici.

Ma avete pensato che per questo Natale i nostri piccoli potrebbero anche aspettarsi qualcosa di speciale, di veramente magico?

Un regalo sorprendente per la sua semplicità, ma capace di far riscoprire loro il divertimento e l’emozione delle cose immediate che sanno affascinarli?

Ad esempio una cosa particolare e introvabile in Italia come un abaco giapponese, accompagnato da un libro illustrato.

Una combinazione creata per permettere loro di assaporare la magia dei numeri in un viaggio favoloso. Un viaggio per imparare e giocare grazie a un antico e speciale strumento, proveniente dal lontano Oriente, che si chiama Soroban. Un gioco che non solo li affascinerà, ma permetterà loro di prendere confidenza con i numeri. In questo modo, non ne avranno più alcun timore quando, crescendo, si troveranno di fronte a nuovi e più difficili problemi di algebra e matematica.

Regalatevi un Natale davvero magico con MagicoAbaco. Insegnate ai vostri bambini che i numeri sono veri amici con cui giocare.

www.magicoabaco.it/shop/negozio/

 
Se la pedina è “celeste”, uno vale cinque: il principio di corrispondenza

Se la pedina è “celeste”, uno vale cinque: il principio di corrispondenza

Utilizzando il Soroban, l’abilità di conteggio richiesta all’allievo che apprende lo strumento è quella di toccare e muovere le pedine., Questo consente di costruire il numero e poter calcolare (Principio di corrispondenza di Gelman e Gallistel).

Una delle maggiori difficoltà incontrate da Elisa Passerini, durante l’esperienza didattica con bambini della scuola d’infanzia, è stata proprio quella del conteggio. La pedina celeste, come sappiamo, è quella superiore che, nell’abaco Soroban, vale 5. Infatti, i bambini consideravano la pedina semanticamente come 1 e non le attribuivano il valore 5. E’ infatti della medesima dimensione delle altre pedine.

Elisa Passerini ha proposto quindi alcune attività e giochi con le mani. Ha superato così questo ostacolo. L’esempio con la mano ha giocato un ruolo fondamentale. Infatti, come la pedina celeste 5, la mano è UNA ma ha CINQUE dita!
L’abilità da raggiungere era quella di contare partendo da 5. Poi, per costruire i numeri  6,7,8 e 9 bastava aggiungere una pedina alla volta.

I bambini hanno imparato così a considerare il numero 6 come 5 più 1, il numero 7 come 5 più 2, 8 come 5 più 3 e 9 come 5 più 4, utilizzando le dita nel conteggio.

 

 
Il 10 novembre, formazione a Casalecchio di Reno

Il 10 novembre, formazione a Casalecchio di Reno

Eventbrite - Formazione MagicoAbaco

Il prossimo 10 novembre vi aspettiamo dalle 15.30 alle 18.30 per il corso di formazione MagicoAbaco nella sede Sapyent di Casalecchio di Reno (BO) in via del lavoro, 85.
Vi spiegheremo tutti i segreti per avviare gli alunni delle vostre classi al calcolo mentale per ottenere risultati incredibili in precisione e velocità. Non perdete l’occasione di scoprire come incrementare le performance di calcolo della vostra classe!
Per confermare la vostra presenza, scrivete a chiedi@magicoabaco.it e lasciateci il vostro nome, cognome e numero di telefono specificando nell’oggetto della mail “Formazione di Casalecchio”. Il costo della partecipazione è di €25, che potranno essere scalati dai 500 Euro della Buona Scuola. Inclusa nel prezzo, riceverete anche la completa e dettagliata Guida Docente di MagicoAbaco.

Vi aspettiamo!

Eventbrite - Formazione MagicoAbaco